I 25 bourbon più importanti mai realizzati (seconda parte)

I 25 bourbon più importanti mai realizzati

Continua in questa seconda ed ultima parte il nostro racconto dei bourbon che piu' hanno contribuito a creare la storia e la fama del bourbon nel mondo.

bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla bla-bla-bla

11. Elijah Craig

Elijah Craig

Insieme a Evan Williams, il marchio Elijah Craig costituisce la base della distilleria Heaven Hill. Come ha detto Chris Morris, le due etichette "hanno messo insieme piu di una generazione rendendo la Heaven Hill una potenza del bourbon". Fu commercializzato per la prima volta nel 1986, ad un prezzo ridicolmente basso e per l'epoca con un invecchiamento senza precedenti di 12 anni. Questa versione non è più prodotta ma è ricordata con affetto. L'Elijah Craig di oggi ha tra gli otto e i dodici anni. Ci sono inoltre bottiglie con invecchiamenti superiori sul mercato che valgono una bella somma.

 

10. Linea Four Roses

Four Roses

Forse più di ogni altra distilleria del Kentucky, la Four Roses si erge come simbolo del recente inversione di tendenza del bourbon. Il marchio, quasi scomparso dagli Stati Uniti sotto la guida di Seagram, le cui esportazioni ne fanno uno dei bourbon piu venduti all'estero. A partire dal 2002, i nuovi proprietari Kirin e il distillatore Jim Rutledge hanno contribuito a reinventare la Four Roses come marchio premium, introducendo produzioni small batch e single barrel. La Four Roses è anche innovativa nel suo uso del lievito, che lavorando con cinque ceppi combinati con due mash bill si traducono in 10 bourbon distinti. Larry Rice, proprietario di The Silver Dollar bar di Louisville, una meta per chi ama il whiskey, ha dichiarato: "La loro trasformazione con successo da whiskey “in fondo allo scaffale” a distillatori "cult" ha cambiato il modo in cui anche le altre distillerie hanno proseguito la produzione."

 

9. Knob Creek

Knob Creek

E' una delle quattro small batch della Jim Beam presentata nel 1992 dal famoso distillatore Booker Noe. Le altre erano Baker's e Basil Hayden. Il quarto membro, Booker's era stato presentato nel 1988. Il Knob Creek divenne subito popolare, contribuendo ad innalzare la reputazione della distilleria e a portare la produzione small batch, così come la categoria dei bourbon super-premium, nel mainstream. Knob Creek e i suoi fratelli "sono diventati la porta di accesso per molti nuovi bevitori di bourbon", ha dichiarato Bill Thomas. Quando Beam annunciò nel 2009 che la produzione di Knob Creek non avrebbe sopperito alla forte domanda, il mondo del bourbon ebbe un mancamento.

 

8. Very Very Old Fitzgerald

Very Very Old Fitzgerald

Prima che ci fosse il Pappy Van Winkle, c'era l'Old Fitzgerald, famoso wheated whiskey per più di mezzo secolo dopo il Proibizionismo. Fu lo stesso Van Winkle che acquistò il vecchio marchio e lo trasformò in un colosso, aggiunse il frumento al mash bill e lo distillò nella famosa Stitzel-Weller Distillery. Il Very Very Old Fitzgerald, un dodicenne, era "quasi perfetto, in perfetto equilibrio", secondo Cowdery. Oggi il marchio è prodotto da Heaven Hill. Ma il bourbon che ha ossessionato molte persone è ormai solo un ricordo lontano.

 

7. Wild Turkey

Wild Turkey

Negli anni '70 e '80, quando regnava la vodka, e la maggior parte dei baroni del bourbon correvano spaventati abbassando il livello di alcol nel loro whisky per attrarre i bevitori incalliti, Jimmy Russell e la Wild Turkey rimasero testardamente sulle loro posizioni. Non ricevette molta attenzione per la sua risolutezza fino a quando le fortune del bourbon non cominciarono a cambiare e il rimaner fedele alle proprie idee, insieme al figlio Eddie, li elevò allo status di icone del bourbon. "Vecchio, versatile, sfumato, conveniente. Un motivo perfetto per bere bourbon presto e spesso. Grande da solo o in un cocktail e facilmente reperibile in commercio, potrebbe certamente essere un alfiere del bourbon se gli alieni dovessero atterrare sulla terra e avessero bisogno di un corso accelerato sull'argomento ", ha detto Allen Katz.

 

6. Old Crow

Old Crow

Ciò che viene onorato qui non è l'insignificante Old Crow di oggi, ma l'Old Crow di un tempo e l'uomo che l'ha creato. Verso la metà del 19 ° secolo, il dott. James Crow introdusse pratiche che diventarono una procedura operativa standard, compreso il processo di sour mash e l'invecchiamento di routine. Il primo metodo, in cui un po' del precedente lotto di mash bill viene trasferito nel successivo, ha assicurato la coerenza di sapore e qualità. Nessuno di coloro che assaggiarono il gioioso succo del buon dottore è ancora vivo. Tuttavia "Il bourbon non sarebbe quello che è oggi se non fosse per il Dr. James Crow", ha detto Bill Samuels, presidente di Maker's Mark. Dal 1987 l'Old Crow viene prodotto dalla Beam.

 

5. Old Forester

Old Forester

Old Forester fu il primo bourbon venduto in bottiglie sigillate, piuttosto che in botti. Quel sigillo significava che non c'era alcun modo di alterare il tuo liquore, una garanzia di purezza. "Per la prima volta un bourbon non alterabile", ha detto Trey Zoeller distillatore del Jefferson's, "ha aiutato a stabilire un protocollo da seguire per tutti quelli che volevano produrre bourbon legalmente." Mai fuori produzione dal 1870, anche attraverso il proibizionismo e da lungo tempo realizzato da Brown-Forman (a distilleria prende il nome dal creatore di whisky, George Garvin Brown), Old Forester non ottiene mai il pieno rispetto che dovrebbe. Ma i tradizionalisti ne conoscono il valore.

 

4. Linea Pappy Van Winkle

Pappy Van Winkle

"Serve davvero una spiegazione?", Ha chiesto lo scrittore di whisky Fred Minnick. "Questo marchio guida una comunità di appassionati che può portare a una nuova patologia di salute mentale." Se anche sei un astemio che ha vissuto in una grotta nelle Great Smoky Mountains negli ultimi vent'anni, questo è probabilmente l'unico bourbon che potrebbe dirti qualcosa. Allocato, difficile da trovare e che ti svuota il portafoglio quando lo si trova, la linea Van Winkle incoraggiava i bevitori di bourbon una mentalità da caccia e ha aiutato ad elevare il bourbon ad un prodotto di lusso alla pari con il raro Bordeaux. Profilo disegnato originariamente dalla famiglia Van Winkle che si differenziava dal resto dei prodotti della distilleria Stitzel-Weller, chiusa nel 1972, questo wheated bourbon è ora prodotto in collaborazione con la distilleria Buffalo Trace della Sazerac Company, una partnership che è ufficialmente iniziata nel 2002. Forse prima il bourbon era poco conosciuto. Pappy ha cambiato tutto.

 

3. Blanton's

Blanton's

Single Barrel è una categoria di bourbon oggi, un termine che ogni amante di bourbon conosce (per chi ancora non ne conoscesse il significato qui la spiegazione del termine). Blanton è stato il primo a produrlo debuttando nel 1984. È stata una creazione di Elmer T. Lee, un protetto di Albert Bacon Blanton e un dipendente di quella che sarebbe diventata la Buffalo Trace Distillery. Seppe vedere un futuro per i bourbon premium molto prima di altri. Lee selezionò eccellenti barili e ne mise il contenuto in un bella bottiglia elegante, sormontata da un inconfondibile tappo di metallo a forma di cavallo e fantino. Poi ha “sparato” un prezzo di $25, mai sentito a quei tempi per una bottiglia di bourbon. Il Giappone era il mercato di riferimento, ma si diffuse lentamente anche negli Stati Uniti. Oggi sei fortunato a trovarne una bottiglia. "Elmer T. Lee ha capii che questo tipo di whisky avrebbe potuto salvare la categoria in difficoltà e chiese agli altri distillatori di seguirne l'esempio", dice Noah Rothbaum, editore della sezione di cibo e cibo del Daily Beast e autore di The Art of American Whiskey.

 

2. Booker’s

Booker's

Il primo whisky generalmente riconosciuto come barrel proof fu il Booker's, disponibile per la prima volta nel 1988. Venne creato e dedicato a Booker Noe nipote di Jim Beam nonché il principale distillatore della Beam dal 1960 al 1992 e una moderna leggenda del bourbon. Questo whisky rifletteva il carattere del personaggio straordinario che era il suo creatore. Si trattava di un bourbon non tagliato e venduto per l'impressionante cifra, almeno per quei tempi, di $40. Forse aveva solo realizzato il tipo di whisky che gli piaceva bere, ma diede inizio al fenomeno barrel proof che continua ancora oggi. Inoltre la scelta di dargli il proprio nome ha contribuito ad inaugurare l'usanza di intitolare bottiglie a celebri distillatori. "Se Booker avesse vissuto un po' più a lungo per promuovere a fondo il suo bourbon" postulò Bryson, "sarebbe probabilmente più famoso di Pappy Van Winkle, una personalità fuori misura in un uomo di taglia forte, che imbottigliava un bourbon smisurato."

 

1. Maker’s Mark

Maker’s Mark

Una chiara scelta per il primo posto tra i nostri esperti, scelto da 17 delle 23 persone intervistate (tra cui 8 dei 10 distillatori), Maker's Mark può pretendere il titolo di "più importante". Quell'iconico sigillo rosso di cera gocciolante ("un vestito rosso in un mare di grigio", ha detto lo scrittore di whisky Fred Minnick); la notevole forma della bottiglia; il bourbon morbido, facile da amare, con una ricetta wheated; il marketing esperto e soprattutto il coraggioso investimento nel futuro del bourbon in un momento in cui sembrava che non potesse averne uno. Bill Samuels Sr. ha lanciato Maker's nel 1958. Negli anni '80 era l'archetipo del Bourbon, considerato (a torto o a ragione) come un prodotto artigianale in mezzo a un mare di mediocrità industriale. Il Maker's Mark è stato per molti giovani bevitori l'iniziazione ai distillati. Bevitori navigati potrebbero beffarsi del mite Maker come di un bourbon per chi è ancora ai primi assaggi, ma il mondo l'ha ormai accolto come un prodotto di prima qualità. Ha ispirato la devozione e la conoscenza tra i suoi devoti. Ben presto la distilleria stessa divenne un'attrazione turistica, offrendo tour al suo interno a partire dal 1968, molto prima che il "turismo del bourbon" diventasse una moda. Probabilmente, più di ogni altro marchio, ha contribuito a innescare la rinascita del bourbon di cui tutti noi godiamo oggi.

 

Per la prima parte clicca qui.

 

 

Fonte: 
https://www.foodandwine.com/cocktails-spirits/25-most-important-bourbons-ever-made#1