Pubblicato il 29 maggio 2020
Maker's Mark

Alla Maker’s Mark si dice che ogni bottiglia coinvolga "4 W": water, wheat, wood, and wax (acqua, grano, legno e ceralacca N.d.T.). La ceralacca rossa presente sul collo di ogni bottiglia di Maker's è una tradizione secolare che risale al 1958, fin dalla prima bottiglia che la distilleria ha venduto.

Pubblicato il 28 maggio 2020
William Larue Weller

Nel diciannovesimo secolo la Scozia aveva un numero piuttosto elevato di produttori di whisky che crearono diversi marchi facendo la loro fortuna. Per la maggior parte non erano nobili, ma presto divennero noti come "Whiskey Barons" per la ricchezza e l'influenza che si guadagnarono vendendo whisky come Johnny Walker e Dewar’s Scotch Whisky.

Pubblicato il 6 maggio 2020
Heaven Hill Distillery
  • La Heaven Hill produce una gran varietà di whisky partendo da un’ampia gamma di mash bill da un lato e con grandi commesse da distillerie come la Bardstown e MGP dall’altro. Sebbene la Heaven Hill non sia assolutamente estranea a questo tipo business, ovvero la vendita all'ingrosso di quanto da lei prodotto.
Pubblicato il 6 marzo 2020
Willett Family Estate

La Willett Distillery è ben nota per la provenienza dei suoi prodotti. Tuttavia nel 2012 Willett ha ripreso a distillare dopo lo stop degli anni '70. Willett utilizza un totale di sei diverse fatture di mash. Variano anche le gradazioni di ingresso in botte in base al mash bill. Tutto questo potrebbe generare un po' di confusione, per cui ho creato questa infografica!

Pubblicato il 27 febbraio 2020
Basil Hayden

Old Grand Dad è un marchio molto antico fondato nel 1882. All'inizio lo spillaggio dalla botte era il principale metodo di vendita del whisky, ma intorno al1890 il marchio iniziò ad essere imbottigliato con l'immagine di Basil Hayden sull'etichetta. Basil Hayden ha sempre avuto un grande sorriso sul suo volto mentre solleva un jigger di whisky come se stesse offrendo un drink al consumatore.

Pubblicato il 22 gennaio 2020
Filtrazione a freddo bourbon whiskey

La filtrazione a freddo per gli alcolici è un processo relativamente nuovo di filtraggio. È efficace per eliminare la foschia che si verifica quando gli spiriti non filtrati si raffreddano, ad esempio quando vengono serviti con ghiaccio o quando una bottiglia si trova in un ambiente freddo.

Pubblicato il 26 dicembre 2019

Quando ho incontrato Al Young per la prima volta ero un nuovo archivista della United Distillers mentre lui era il direttore dello stabilimento della Four Roses quando il master distiller era Ova Haney. Veniva a sentirmi parlare della storia bourbon ogni volta che poteva , ma in almeno un'occasione ricordo che fu assente perché aveva un problema con la distilleria che doveva essere affrontato.

Pubblicato il 17 novembre 2019

I moderni bourbon vengono filtrati per rimuovere oli vegetali indesiderati e altre particelle che possono causare un "effetto neve" quando fa freddo o quando il bourbon viene versato sul ghiaccio. Queste particelle non sono altro che la semplice condensazione di questi oli che daranno quindi al whisky un aspetto torbido. Queste particelle non sono nocive alla salute, anzi contengono aromi che si perdono nel processo di filtrazione.

Pubblicato il 7 novembre 2019
Kentucky Bourbon

L'industria del bourbon del Kentucky ha stabilito due record per l'era moderna lo scorso anno riempiendo oltre 2,1 milioni di barili di bourbon portando a 9,1 milioni il totale di barili che stanno invecchiando.

L'Associazione dei Distillatori del Kentucky afferma che questo è il numero più alto raggiunto negli ultimi 52 anni . È anche la prima e unica volta dal 1967, anno in cui è iniziata la raccolta dati che i distillatori hanno riempito oltre 2 milioni di barili di bourbon in un solo anno.

Pubblicato il 9 ottobre 2019
Bottai al lavoro

Nel 1944 la Schenley Distilleries acquistò la Louisville Cooperage. Il piano di Schenley era di controllare quanto più possibile il processo di produzione del whisky, incluso il processo di fabbricazione delle botti. In seguito nel 1946 avrebbero acquistato la Chess and Wymond Cooperage come continuazione di questo progetto. Per sostenere queste produzioni Schenley acquistò anche terreni dove piantò querce. Era veramente un piano a lungo raggio.

Pagine