Continuerà il boom delle distillerie artigianali?

Bourbon artigianali

I distillatori artigianali di bourbon sono cresciuti negli ultimi anni grazie alla riscoperta e ai nuovi stili delle bevande scure. Qualcuno lo definisce un boom. Molti di questi distillatori sono passati dalle stalle alle stelle nel ciclo che hanno vissuto questi distillati nella loro popolarità e ora stanno cercando nuove vie per evitare di finire nuovamente nella polvere.

Andrew Buchanan cammina attraverso la Hartfield & Co. Distillery una piccola e relativamente nuova attività situata in un ex magazzino di semenze a Paris, Kentucky.

“Questi sono due piccoli alambicchi che ho avviato io” ci dice gesticolando su di un pavimento di cemento. “Sono da 26 galloni (circa 100 litri N.d.T.) l'uno.”

Per farvi un esempio la maggior parte degli alambicchi che potete vedere in una distilleria hanno una capacità che va dai 500 ai 1000 galloni (1900/3800 litri N.d.T.). Buchanan, fondatore della Hartfield, ne possiede uno di questi, ma non l'ha mai usato.

“Ci è stato consegnato a gennaio, ma siamo ancora molto lontani dall'utilizzarlo ancora adesso. Comincerà a lavorare un giorno si ed uno no con il bourbon.” Ci dice Buchanan.

Dall'apertura della distilleria nel 2014, il bourbon è stato lo spirito distintivo della Hartfield & Co.. "Siamo quindi la prima distilleria nella contea di Bourbon dal 1919", dice. "Ed è strano che nessuno stia producendo whiskey qui da così tanto tempo”.

Buchanan ha iniziato a distillare whiskey in un buon momento, poiché l'industria si trova nel bel mezzo di ciò che i professionisti chiamano un "boom del bourbon".

"Siamo decisamente in una fase ascendente", afferma Maggie Kimberl, scrittrice e storica del whisky. "Ci sono molte persone che hanno differenti opinioni in merito, chi pensa che siamo all'inizio chi al centro e chi al top, ma la maggior parte di esse pensa che ci sia ancora un ampio margine di crescita".

Ma con il boom arriverà il declino, l'industria del bourbon è storicamente ciclica.

Il primo grande declino avvenne durante il proibizionismo. "C'era una città chiamata Tyrone, che si trova vicino allo stabilimento della Wild Turkey, che è stata praticamente cancellata dalla mappa dal proibizionismo", dice Kimberl. "Era una città molto piccola con due o tre, forse quattro distillerie di bourbon, e quando il Proibizionismo ebbe luogo, quella città cessò di esistere".

Poi il whisky americano esplose di nuovo tra il 1945 e il 1970 circa.

Dopodiché, "la gente cominciò a rivolgersi al vino, alla birra e ai distillati chiari", dice Kimberl. "Il bourbon non era particolarmente popolare in quel momento."

Poi, verso il 2000, le distillerie di bourbon hanno iniziato a vedere un rinnovato interesse per i loro prodotti. Nel 2016, le vendite di whisky americani e bourbon hanno superato i $3 miliardi.

"Ma ci sono sempre persone che dicono che questo non può durare, finirà presto e la bolla scoppierà", dice Kimberl.

Questo vale soprattutto negli ultimi tempi, poiché i media nazionali hanno iniziato a focalizzare la loro attenzione su altri distillati. Negli ultimi anni, i punti vendita, che vanno da Forbes a Liquor.com, prevedono una "crescita del rum".

Kimberl ritiene che da solo questo fatto non porterà ad un calo di vendite di bourbon. “ Questo ridurrà sicuramente la spesa in bourbon, ma non è sufficiente per dire che il bourbon stia per crollare a favore del rum.”

Hartfield della Buchanan sottolinea che molti dei grandi conglomerati di bevande sono pronti a cambiare con i gusti dei consumatori. "Possiedono tutti un rum, o diversi rum, tutti possiedono il bourbon, o diversi bourbon - scotch, tequila, vodka, tutte queste cose". Quindi non sono preoccupati di quale sarà il prossimo prodotto. "Hanno il prossimo prodotto."

Ritiene inoltre che le piccole distillerie dovrebbero trarre un insegnamento da tutto ciò.

Ed è qui che entrano in gioco i due piccoli alambicchi da 26 galloni l'uno della Hartfield & Co.

La distilleria li userà per fare alcuni distillati diversi, un rum, uno a base di agave e un whisky single-malt. Questo non è inusuale per i distillatori artigianali, soprattutto perché il bourbon ha un processo di invecchiamento pluriennale.

Castle & Key, un'altra nuova distilleria artigianale a Versailles, in Kentucky, è nel bel mezzo dello sviluppo di gin e vodka mentre il suo bourbon è in botte.

Tuttavia, Buchanan riconosce che la maggior parte del profitto della sua compagnia sarà sempre il bourbon; hanno sede nella contea di Bourbon, dopo tutto. Commercializzare rum da qui è sicuramente più difficile, ma bisogna avere un paracadute. Anche se un aiuto possono darlo le esportazioni.

"Negli anni '80 e all'inizio degli anni '90, abbiamo visto un aumento delle consegne di bourbon in Giappone", afferma Kimberl. "Stiamo iniziando a vendere abbastanza bene in Australia e l'India sta diventando un grande mercato".

Anche in Europa e Regno Unito le vendite stanno crescendo, ci dice.

"Nel mercato mondiale, lo scotch l'ha sempre fatta da padrone ed ora il bourbon sta iniziando a decollare in alcuni luoghi", dice Kimberl. "Quindi, storicamente, c'è questa sensazione che se anche andasse male in America, ci sarà un mercato al di fuori dell'America per il bourbon".

Tuttavia, le recenti minacce alle guerre commerciali con la Cina stanno gettando un po' più di incertezza sul quadro.

Buchanan afferma di aver lavorato con il Liquor Control Board dell'Ontario e ha appena presentato una proposta ad un gruppo di acquirenti di Svezia, Norvegia e Finlandia. Ma per ora, si gode il suo posto speciale nel bourbon boom degli Stati Uniti.

"E onestamente, ogni ansia che provo per il futuro, mi fa davvero desiderare di lavorare ancora più duramente sui nostri prodotti", dice Buchanan.

 

 

Fonte: 
https://www.npr.org/sections/thesalt/2018/04/10/600897430/craft-bourbon-brewers-ride-the-boom-prepare-for-a-bust