Carbonizzato Vs. Tostato

Bourbon whiskey Italia

Il tipo di botte utilizzata per invecchiare un whisky ha un impatto radicale sul sapore del prodotto finale. Ci sono molti aspetti che fanno la differenza: la dimensione della botte, il tipo di legno, dove è cresciuto l'albero utilizzato per la produzione del legno, la situazione meteorologica durante l'invecchiamento, dove è stata posizionata la botte all'interno del magazzino, ma forse nessuna caratteristica ha un impatto maggiore rispetto al fatto che l'interno della botte sia carbonizzato o tostato.

In primo luogo, perché preoccuparsi di carbonizzare o tostare l'interno di una botte? Si è scoperto che i distillati invecchiati in botti di legno grezzo generano un'astringenza sgradevole e sdolcinata, un gusto "verde" che la maggior parte delle persone non ricerca. Applicando il calore, i bottai (le persone che fabbricano barili) traggono vantaggio dalle reazioni chimiche generate nel legno che conferiscono sapori dolci, di noci, tostati e caramellati al contenuto della botte stessa.

Le botti carbonizzate sono le botti per antonomasia dei distillatori americani e sono prodotte in modo molto simile a quello che potresti immaginare: esponendo l'interno della botte al fuoco. Ci sono diversi gradi di carbonizzazione (char), che vanno dal light char ( char #1) fino al heavy char (char #4), a volte chiamato alligator char per la sua somiglianza con la pelle screpolata e fessurata di un alligatore. La maggior parte delle distillerie americane usa il numero tre o il numero quattro come livello di carbonizzazione.

Ma tutto ciò non comporta il rischio di dare un sapore di portacenere al whiskey? Non esattamente, anzi è quasi l'opposto. Tutto quel carbone all'interno della botte carbonizzata agisce effettivamente come un filtro, intrappolando e rimuovendo le impurità dal whisky dando come risultato un sapore più morbido. Le botti carbonizzate tendono a produrre un whisky più dolce e conferiscono sapori come speziatura, caramello, zucchero di canna, vaniglia e frutta, un set di sapori sicuramente familiare ai fan del bourbon e del rye whiskey.

Le botti tostate sono spesso le botti scelte dai produttori di vino. L'interno di queste botti è anch'esso esposto al calore, ma più dolcemente e il risultato è un legno non bruciato, ma cotto fino a diventare “croccante”. Le botti tostate sono usate meno frequentemente nella produzione di whisky e sono impiegate più che altro nella forma di ex-botti di vino per la finitura del whiskey. Queste botti conferiscono spesso sapori quali mandorle, cocco, cannella e acero nonché delicati tannini spesso definiti "setosi".

 

 

Fonte: 
https://thewhiskeywash.com/lifestyle/heat-moment-charred-vs-toasted-barrels/