Storia del Rye in USA (prima parte)

Rye whiskey

La Virginia rivendica il luogo di nascita degli distillati americani poiché il primo lotto di whisky, anche se da mais è stato documentato nel 1620 dal colono inglese George Thorpe vicino a Jamestown. La presenza e il dominio della segale in quelli che in seguito divennero gli stati di New York, Pennsylvania, Maryland e Virginia fu in gran parte dovuta a fattori socioeconomici e geografici. In Europa il frumento era un alimento base destinato alle tavole dei ricchi, mentre la segale era un alimento base per i poveri. Gli immigrati nella nuova terra in cerca di una vita migliore erano per lo più poveri e portavano con sé ciò che conoscevano meglio. "I coloni originari delle aree germaniche coltivavano segale per pane e whisky", ha dichiarato lo storico del whisky John Lipman. Il quale cita la nave Mary Hope che attraccò nel 1710 a Filadelfia trasportando gli Oberholtzer (poi Overholt) e Böhmes (poi Beam) nel Nuovo Mondo dando il via alla loro discendenza.

Quando iniziò la Guerra d'indipendenza americana molti di coloro che desideravano evitare conflitti o coscrizioni si diressero verso ovest attraverso gli Appalachi fino ad incontrare la sorgente del fiume Ohio ad Allegheny, in Pennsylvania. "Il whisky non era la bevanda preferita delle classi abbienti mentre lo era per le persone che si facevano da loro i vestiti (gli agricoltori)", ha detto Lipman. "Se eri una persona per bene e frequentatore di taverne urbane avresti bevuto sidro, birra o rum." I distillati venivano trasportati a est dai nuovi insediamenti, invecchiati in botti e venivano venduti come "Monongahela" spesso scambiato come rum.

La popolarità del Rye nel nuovo paese crebbe per necessità. Necessità provocata dalla mancanza di melassa caraibica per la produzione del rum nelle distillerie commerciali costiere, conseguenza dell'ostilità inglese la cui marina mantenne il controllo dell'Oceano Atlantico e perché non era una bevanda patriottica. Verso la fine del 1700 c'erano migliaia di distillerie di cereali di piccole dimensioni nello stato di New York, Pennsylvania, Virginia e Maryland. Il mais sebbene autoctono era più diffuso e facile da coltivare nel sud. All'orzo mancava la resistenza necessaria per un raccolto importante mentre la segale era molto più facile da coltivare.

Il presidente George Washington da poco in pensione, stava prendendo in considerazione di ritirarsi nella sua tenuta di Mount Vernon in Virginia, quando il suo manager agricolo James Anderson nel 1797 gli propose di coltivare segale e mais per la distillazione del whiskey. Gli concesse la dispensa Scotsman per avviare questa nuova attività con cinque alambicchi di rame, caldaie, vasche e tini di legno; nel 1798 la distilleria entrò in funzione.

Nel marzo del 1791 il nuovo governo emanò la prima accisa federale con l'intenzione di ripianare il debito contratto durante la guerra d’indipendenza, una tassa sugli alcolici distillati denominata Whisky Tax. Secondo Sam Komlenic del West Overton Village & Museum il whisky era allora visto come valuta, una pratica che il tesoriere Alexander Hamilton desiderava eliminare perché gli agricoltori si fidavano di esso più della valuta del nuovo paese. Dal 1791 al 1794 sorse una ribellione, in particolare in quella che era allora la Pennsylvania occidentale, con 13.000 soldati provenienti da Pennsylvania, New Jersey, Maryland e Virginia guidati dal presidente Washington. Alla fine del 1794, la Whiskey Rebellion fu stroncata con l'arresto di molti, la morte di pochi, numerose condanne e il perdono di tutti. A est delle montagne era relativamente facile per il nuovo governo monitorare la produzione di whisky mentre a ovest era più difficile. Questo portò i federali a tassare gli alambicchi degli agricoltori per la massima capacità di produzione, costringendo così i produttori occidentali rimasti ad incrementare la redditività per pagare le tasse o ad attrezzarsi per diventare distillatori professionali anziché diversificarsi come agricoltori.

Con il trasporto alla rinfusa di grandi quantità di cereali poco pratico durante questa epoca e con mais generalmente non coltivato a nord del confine meridionale della Pennsylvania i distillatori producevano whiskey ad alto contenuto di segale Monongahela, noti per la loro natura corposa e speziata. I mash bill per i distillatori che operavano nel Maryland e nella Virginia più meridionali erano composti in genere per la maggior parte da un mix di segale con un po' di mais, rendendoli così più dolci e più morbidi dei loro cugini settentrionali.

 

Qui trovate la seconda parte.

 

Fonte: 
https://distilling.com/distillermagazine/a-history-of-rye-in-the-us-part-i/