Il Bourbon continua a dominare il mondo

1792 Ridgemont Reserve

Il Distilled Spirits Council ha pubblicato oggi il suo rapporto economico annuale e una cosa appare chiara: il Bourbon sta ancora colpendo duro.

Il rapporto evidenzia come il volume dell'American whiskey sia salito del 6,4% a 23,2 milioni di casse (+1,4m) e i profitti sia saliti dell'8,1% a $3,4miliardi (+$252milioni). Valore delle solo esportazioni $1,6 miliardi, un record.

Nel complesso i fornitori hanno aumentato le vendite del 4%, un aumento di $1miliardi per un totale di $26,2, mentre i volumi sono aumentati del 2,6% raggiungendo la cifra di 226 milioni di casse, un aumento di 5,8 milioni rispetto all'anno precedente. Questi risultati riflettono il gusto costante dei consumatori adulti per i prodotti alcolici distillati di fascia più elevata in molte categorie.

“I distillati americani ed in particolare il whiskey sono le celebrità della scena globale nel mondo del cocktail” secondo Christine LoCascio Council Senior Vice President del International Affairs. "I consumatori internazionali stanno scoprendo gli alcolici statunitensi più costosi, spinti dal fascino che si porta dietro il whiskey americano, nonché dalla sua miscelabilità e versatilità nei cocktail".

I primi cinque mercati in crescita per valore in dollari includono il Regno Unito, con un incremento di $55,7 milioni a $177,9 milioni o del 45,6%; Germania, in crescita da $22,6 milioni a $123,5 milioni o del 22,4%; Brasile, in aumento di $18,9 milioni a $29,1 milioni o 186,5%; Francia, con un aumento di $15,7 milioni a $114,1 milioni o del 16%; e in Spagna, da $14,5 milioni a $117,1 milioni o del 14,1%. Il Consiglio ha condotto promozioni all'esportazione in quattro dei cinque mercati.

"I consumatori adulti, in particolare i millennial, continuano a privilegiare prodotti di alta gamma e distillati super premium", ha affermato il Council Chief Economist David Ozgo. "Le aziende stanno creando eccitazione nel mercato con nuovi prodotti e nuove tecnologie per interagire con i clienti".

 

La riforma fiscale prevede il livellamento delle imposte sui distillatori

Nell'arena della politica pubblica, la legislazione fiscale di riferimento a livello federale ha ridotto l'accisa sui produttori di alcolici di tutte le dimensioni per la prima volta dalla guerra civile. Una versione biennale della Craft Beverage Modernization e Tax Reform Act, che compensa l'accisa federale (FET) su alcolici, birra e vino per i primi 100.000 galloni per tutti i produttori, è stata inclusa nel pacchetto di riforma fiscale federale. Il Consiglio stima che il taglio delle tasse varrà più di mezzo miliardo di dollari ai distillatori nel biennio. "Questo storico taglio fiscale consentirà ai distillatori di investire nuovamente nelle loro imprese e nella collettività, creando posti di lavoro, sostenendo l'agricoltura e il crescente turismo del whiskey", ha detto Naasz, considerando che il settore degli alcolici impiega 1,5 milioni di posti di lavoro nell'ospitalità e $160 miliardi in attività economiche. "Garantire che la riduzione delle tasse prosegua oltre i due anni costituirà la massima priorità legislativa per il Consiglio nei prossimi anni".

Naasz ha evidenziato altre vittorie politiche del 2017, tra cui:

  • I divieti di vendita della domenica sono stati revocati in Minnesota e Oklahoma,che abrogando le loro Blue Laws, hanno generato circa $19,7 milioni all'anno;

  • Il mancato aumento fiscale in 18 Stati ha permesso di risparmiare $321 al settore degli alcolici;

  • La National Football League ha modernizzato la sua politica in merito alla pubblicità di distillati, diventando l'ultima importante lega sportiva professionale a farlo, riequilibrando la situazione con birra e vino;

  • A Boston, la città ha abrogato il divieto per cinque anni di pubblicità di bevande alcoliche sul suo sistema di trasporto pubblico, ottenendo nuove entrate e segnando un'altra vittoria del First Amendment (Primo Emendamento n.d.t.) per i distillati.

 

 

Fonte: 
https://www.fredminnick.com/2018/02/01/bourbon-continues-world/